Un gene specifico permetterebbe alle uve australiane di essere prodotte per tutto l’anno

La produzione di uva da tavola australiana raggiunge il picco tra novembre e maggio, ma un nuovo studio di CSIRO spera di riuscire in futuro a prolungare la produzione per tutto l’anno. Vent’anni fa circa, gli scienziati hanno scoperto un gene nano in una varietà di champagne francese chiamata “Pinot Meunier”.

Ora il CSIRO sta utilizzando tale gene per sviluppare nuove varietà di uva da coltivare per tutto l’anno, nelle condizioni climatiche australiane. Le nuove cultivar sono abbastanza piccole da potere essere coltivate in vaso, ma necessitano ancora di condizioni estive per continuare a dare frutti. Nonostante la possibilità di essere coltivate in vaso, le nuove varietà nane offriranno i risultati migliori ai coltivatori commerciali, in coltivazioni idroponiche.

“A meno che non si viva ai tropici queste viti entreranno comunque in uno stato di dormienza come qualsiasi altro vitigno – riporta Ian Dry al sito web abc.net.au – Abbiamo provato a produrre la varietà in serra e anche sotto luci a LED, perciò si possono coltivare nello stesso modo in cui si coltiverebbero i pomodori”.

Il gene nano fa sì che le viti saltino la fase giovanile e che comincino a dare frutti molto prima e più a lungo rispetto alle attuali varietà di uva.

Clicca qui per leggere l’articolo completo (in inglese).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: